ESATTEZZA

 

CON IL TERMINE ESATTEZZA SI INDICA LA CORRISPONDENZA TRA IL DATO ANALITICO FORNITO PER UN CERTO PARAMETRO E IL VALORE REALE PRESENTE NEL CAMPIONE IN ANALISI (VALORE VERO) . TUTTAVIA, PER OGNI PARAMETRO, IN FUNZIONE DELLA MATRICE SU CUI SI VUOLE INDAGARE E AL METODO UTILIZZATONELL'ANALISI, SI OTTENGONO DATI CON VALORI DI ESATTEZZA DIVERSI . LA QUALITÀ DEL SERVIZIO ANALITICO FORNITO DA UN LABORATORIO SI RIFLETTE NEL MODO IN CUI VIENE OTTENUTA LA MIGLIOR ESATTEZZA POSSIBILE.

Il laboratorio Comie garantisce i dati analitici emessi tramite una serie di tecniche che permettono di controllare, mantenere e migliorare la qualità del servizio analitico offerto.

Tecniche statistiche per l'analisi dei risultati
Per ogni metodo vengono applicate procedure statistiche per la valutazione dei dati derivanti dalle attività di prova, con lo scopo di:

  • verificare la taratura di metodi di prova che non sono tarati prima dell'uso
  • verificare le prestazioni di strumenti che vengono tarati prima dell'uso
  • verificare la taratura di strumenti che non vengono tarati prima dell'uso
  • verificare i dati di ripetibilità dei metodi di prova e, dove applicabile, verificare i dati analitici
  • Uso di "campioni civetta"
    I campioni civetta sono dei preparati a concentrazione nota di alcuni analiti (ad es. acqua distillata con 0.5 mg/l di nichel ecc.), che vengono messi in circolo in laboratorio all'insaputa degli operatori da parte dei responsabili del laboratorio. I campioni civetta vengono utilizzati per la verifica interna delle prestazioni dei singoli operatori o aree di lavoro.

    Ripetizione delle prove
    Vengono eseguite delle ripetizioni delle prove per la verifica dell'accuratezza di un metodo di prova, per la verifica di alcune prestazioni strumentali e per la verifica della taratura della strumentazione che non viene tarata prima dell'uso. I dati di ripetibilità di un metodo di prova sono utilizzati per:

    • verificare che il laboratorio rispetti i valori di ripetibilità dichiarati da un metodo di prova ufficiale
    • verificare la capacità di operare nelle condizioni di ripetibilità dichiarate
    • verificare la possibilità di esprimere il risultato come media di risultati replicati
    • verificare la possibilità di estendere un metodo di prova a matrici non previste dal metodo stesso
    • confrontare l'applicabilità di due metodi diversi alla stessa tipologia di matrice

    Uso regolare di materiali di riferimento
    Materiali di riferimento certificati vengono usati costantemente nel Laboratorio Comie per la garanzia del riferimento metrologico della misura, del buon funzionamento delle apparecchiature e della corretta applicazione dei metodi di prova.

    Partecipazione a circuiti interlaboratorio
    Le prove interlaboratorio, per definizione, comportano l'organizzazione, la realizzazione e la valutazione di prove analitiche effettuate da parte di due o più laboratori, secondo condizioni di lavoro predeterminate su medesimi materiali incogniti. Il ruolo che viene oggettivamente riconosciuto a tali programmi riguarda soprattutto il miglioramento dell'accuratezza con cui il laboratorio emette il dato analitico, relativo ad una particolare prova su una determinata matrice. Le prove interlaboratorio costituiscono un ulteriore elemento con cui un laboratorio di prova attua il controllo della qualità relativo ad una specifica prova. Il sistema qualità prevede la partecipazione a circuiti nazionali ed internazionali, volti sia al miglioramento dell'affidabilità dei dati, che all'aggiornamento dei metodi analitici. Circuiti di prova interlaboratorio vengono periodicamente attuati nel laboratorio Comie.

    Predisposizione di verifiche ispettive
    Sono periodicamente predisposte verifiche ispettive per esaminare la qualità complessiva delle prestazioni del laboratorio. Ogni aspetto dell'attività del Laboratorio connesso con le prove selezionate viene controllato. In modo particolare si considerano i seguenti ambiti:

    • la gestione dei campioni
    • il personale addetto
    • lo stato di taratura/manutenzione delle apparecchiature utilizzate
    • l'applicazione dei metodi di prova
    • la registrazione dei risultati e la redazione dei rapporti di prova
    • l'archiviazione dei dati


    All'interno dei suddetti ambiti vengono valutati specificatamente i seguenti aspetti:

    • grado di formazione e della padronanza delle procedure da parte del personale
    • documentazione pregressa relativa alle varie procedure (es. la riferibilità e rintracciabilità delle misure)
    • I dati derivanti sono utilizzati per indicizzare il sistema qualità ai fini del suo continuo miglioramento.

      Esecuzione di controlli intermedi
      In alcune procedure di taratura e verifica di buon funzionamento delle apparecchiature è prevista l'esecuzione di controlli intermedi tra due tarature successive allo scopo di verificare l'effettivo stato di taratura strumentale.

      Verifica "bianchi" di laboratorio
      Per il controllo delle procedure di pulizia e della cross contamination vengono periodicamente effettuati bianchi di laboratorio al fine di controllare eventuali falsi positivi derivanti da operazioni errate o contaminazioni ambientali normalmente presenti in laboratorio e di conseguenza al fine di validare l'idoneità delle strutture.

      Incertezza di misura
      Per incertezza di misura si intende un parametro associato al risultato di una misurazione che caratterizza la dispersione (precisione, distribuzione dei risultati) dei valori ragionevolmente attribuibili al misurando. Il laboratorio COMIE è in grado di calcolare il valore di incertezza di misura per ogni dato fornito, ricavandolo da procedure elaborate dal laboratorio stesso, dai dati forniti nei metodi applicati (riproducibilità) e dai risultati dei circuiti interlaboratorio.

      Tutte le procedure descritte sono verificabili dai committenti presso il laboratorio.

CONTATTACI

+39 0321 820340

info@comie.it