Stabiliti dalla Regione Piemonte i criteri per la verifica delle procedure di autocontrollo in relazione al rischio costituito dalla qualità delle acque utilizzate nei processi di produzione alimentare. - COMIE
Laboratorio specializzato in Analisi Chimiche e microbiologiche

NOTIZIE

 

Stabiliti dalla Regione Piemonte i criteri per la verifica delle procedure di autocontrollo in relazione al rischio costituito dalla qualità delle acque utilizzate nei processi di produzione alimentare.



Con deliberazione della Giunta Regionale 10 gennaio 2012, n. 2-3258 sono state approvate le linee guida per il controllo igienico-sanitario della qualita' delle acque utilizzate nelle imprese alimentari.
Nel testo vengono classificate le tipologie di aziende in cui l’acqua utilizzata può rappresentare un rischio sanitario per la produzione:
- imprese alimentari destinate alla trasformazione e lavorazione di prodotti di origine animale soggette a riconoscimento;
- imprese alimentari con produzione all’ingrosso;
- esercizi di tipologia 1, 2 , 3 e 4, ai sensi della DPGR Reg, 2/R del 03.03.2008 ed Assimilabili (es agriturismo, rifugi, case per ferie ecc.);
- attività di catering ;
- mense/centri di cottura/ristorazione collettiva (con pasti anche se in tutto o in parte veicolati);
- esercizi di vendita al dettaglio annessi a laboratori artigianali (gastronomie, gelaterie pasticcerie, rosticcerie, macellerie, pescherie, etc. );
- comunità alloggio se gestite con operatori (cuoco) esterni;
- scuole di cucina e scuole alberghiere.

Le suddette aziende hanno l’obbligo di valutare le caratteristiche della acque utilizzate per le preparazioni alimentari secondo lo schema riportato in tabella A - Analisi in autocontrollo da effettuare a cura dell’operatore alimentare per il mantenimento dell’idoneità dell’acqua al rubinetto.


< torna indietro


Notizia inserita il: 03/02/2012

 

CONTATTACI

+39 0321 820340

info@comie.it